+

LA MISERICORDIA

“Vedo e scopro la mia stessa Luce negli altri, la Realtà vera di me, il mio vero io negli altri (magari sotterrato o segretamente camuffato per vergogna), e ritrovata me stessa mi riunisco a me resuscitandomi”. Chiara Lubich

Il lasciar andare – con profonda e sincera interiorità, il rancore, la rabbia, la violenza, la vendetta, rende in cambio un grande dono:”la misericordia”.
Uno stato di pace profonda in cui riesci a sentirti un tutt’uno con l’universo con ciò’ che ti è intorno e con chi ti è intorno.
Una riconciliazione interiore che riconcilia con ogni cosa della vita. Ti commuovi perché ciò che hai sempre visto ogni giorno ti appare diversamente più significativo e più bello. Sei grato alla vita ed all’esperienze che ti offre. Apprezzi, accogli senza più giudicare.
Ami ogni cosa, anche le tue stesse lacrime . Ami il prossimo con compassionevole comprensione. Ringrazi la vita ed il creato perché ti è dato di provare tutto ciò e perché senti scorrere qualcosa nelle vene.
Un profondo senso di indescrivibile Beatitudine.
È la Misericodia!
Il dono oltre il Per-dono.

Fabiola Ferro

+

LA MISERICORDIA SECONDO LUIGINO BRUNI

Misericordia cemento di civiltà

Alcuni stralci di Luigino Bruni del suo articolo sulla Misericordia
(sabato 5 settembre 2015
L’Avvenire).

La misericordia riesce a ricostruire dentro l’anima l’immagine spezzata, a ricomporre dentro di sé la trama dell’altro interrotta.

È la misericordia che fa maturare e durare i nostri rapporti, che trasforma l’innamoramento in amore, simpatia e sintonie emotive in progetti robusti e grandi, che fa avverare i nostri “per sempre” pronunciati in gioventù, che impedisce alla maturità e alla vecchiaia di diventare solo una nostalgica narrazione di sogni infranti.

La misericordia vive di tre movimenti simultanei:
quello degli occhi,
quello delle viscere (il rachàm biblico)
e quello delle mani, della mente, delle gambe.

La prima misericordia è uno sguardo, che ricostruisce dentro la persona misericordiosa la figura morale e spirituale di chi suscita misericordia.

È un moto dell’anima, con il quale riesco a rivedere l’altro nel suo disegno originale, prima dell’errore e della caduta, e lo amo al fine di ricrealo alla sua natura più vera. Riesce a ricostruire dentro l’anima l’immagine spezzata, a ricomporre la trame.

E mentre gli appare la purezza nell’impurità, la bellezza nella bruttezza, la luce dentro il buio, si muove anche il corpo, vengono toccate le carni.
Si commuovono le viscere.
La misericordia coinvolge tutto il corpo, è un’esperienza totale, qualcosa di simile al parto di una nuova creatura – se non ci fosse la misericordia, a noi maschi l’esperienza del parto resterebbe totalmente inaccessibile: e invece possiamo intuire qualcosa di questo mistero, il più grande di tutti, quando ridoniamo la vita con la misericordia.

La misericordia si sente, si patisce, c’è travaglio. È una esperienza incarnata corporale.
La misericordia è un intreccio di dono e virtù.

Non si è misericordiosi verso chiunque, ma solo nei confronti di chi si trova in una condizione di errore, di difetto, di peccato, una situazione che mi ha toccato e ferito personalmente.

La misericordia, ha un rapporto intrinseco e necessario con il perdono è non necessita del pentimento dell’altro, né che il perdono venga chiesto. La commozione delle viscere e lo sguardo sanante si attivano prima che l’altro abbia riconosciuto la propria colpa e si sia reso consapevole.

Un’altra forma di misericordia che trova il misericordioso, veramente preziosa e sublime, è quella nei confronti di se stesso.

Chi è capace, per gratuità e per virtù, di praticare la misericordia con gli altri si ritrova un giorno con il dono di occhi diversi con i quali guardare anche le dimensioni della propria vita che non vorrebbe ospitare e che lo fanno soffrire.
Beati i misericordiosi, troveranno misericordia.

Luigino Bruni

+

VIDEO SPIRITUALI

+

CITAZIONI


+

VIDEO MODA

 

+

RICONOSCI LA TUA LUCE…

Puoi accogliere nei palmi di una mano la luce, ammirandone le diverse sfumature, ma non puoi far nulla per trattenerla: “essa si diffonde”.

Read More

+

IL FIGLIO ALLA MADRE…

Il figlio : “I’m running out of my mind!”

La mamma: “cosa vuoi dire?”

Il figlio :”Sai mamma, ho appena compiuto diciotto anni ed ho capito che oltre la mente c’è’ l’anima, ciò’ che abbiamo dentro nell’inconscio e che se ascoltato attraverso il cuore fa volare in libertà’ raggiungendo mete che spesso appaiono impossibili”.

+

GESU’ DISSE…

“Conoscerete la Verità e la Verità vi farà liberi”
Gesù nel Vangelo di Giovanni (8, 32)

Il percorso che ti porta alla Verità,  o come preferisco dire, che ti permette di scendere in Verità sempre più profonde, Verità che trasformano il nostro sguardo nello sguardo di un Maestro, è un percorso lungo e laborioso, dura un’intera vita, e, per chi può accettarlo, anche diverse vite.

È il percorso di conoscenza del sé profondo, che l’esortazione socratica “conosci te stesso” ben descrive indicando che colui che sa – secondo Socrate – sa far bene i propri calcoli e sceglie in ogni caso la cosa migliore per lui, indicata dai greci col termine di areté . La vera felicità pretesa da Socrate è quella duratura, la quale non può essere la felicità del corpo, che è caduco , ma soltanto quella dell’Anima, che è immortale. Il motto delfico vorrà allora dire, per Socrate, “conosci la tua Anima”, “conosci la tua Psyché”, giacché l’uomo, nella sua essenza più profonda, non è altro che la sua Anima.

Ma come il Buddha insegna ciò che ci allontana da questa Verità che è già insita in noi è solo il non andare fino in fondo o addirittura non avere la forza nemmeno di iniziarne il cammino.

Anna Carla DiGregorio

Ricercatrice spirituale

+

TENDENZA GONNA PE 2017

La Gonna

Per questa PE 2017, arriva direttamente dagli anni 60. Sono d’accordo un po’ con tutti gli stilisti ognuno ha dato la sua interpretazione prendendo spunto da forme, lunghezze e geometria di quel periodo
Ho selezionato una piccola raccolta di gonne TOP per questa stagione!
Buona visione a tutti!

+

CAMICIA TENDENZA PE 2017

La Camicia uno dei MUST per questa PE 2017

Camicie con volumi morbidi, fiori, righe, attingendo anche ai tessuti camiceria uomo, rivisitate in chiave moderna rese delicate e  femminili  …